Storia di Armenise

count_auletta

 Conte Giovanni Auletta Armenise

La decisione del Conte Giovanni Auletta Armenise di creare una Fondazione in nome di suo zio e mentore nacque dall’amore per sua moglie, Dianora Bertacchini, che morì a causa di un tumore al cervello ne 1994.

Dopo aver cercato in tutto il mondo le migliori terapie disponibili per la sua malattia, il Conte Auletta portò la moglie al Massachusetts General Hospital e alla Harvard Medical School.

Presto però i due coniugi si resero conto che purtroppo anche le più sofisticate terapie disponibili in quel momento non potevano fermare l’avanzare inesorabile della malattia.

Capirono che, in parte, l’ignoranza dei meccanismi chimici e biologici fondamentali alla base del cancro impediva lo sviluppo di terapie più efficaci.

Questa rivelazione, insieme alla convinzione del rettore della Harvard Medical School Daniel Tosteson che l’investimento in una ricerca che rispondesse alle domande fondamentali della scienza potesse trasformare tanto la medicina quanto l’agricoltura, sfociò in una partnership che portò alla decisione di finanziare la ricerca di base alla Harvard Medical School e in Italia.

La Fondazione Giovanni Armenise-Harvard nacque da questa alleanza unica tra da due uomini che vollero combattere la malattia attraverso la costruzione di una nuova infrastruttura per finanziare il futuro della scienza.

Daniel C. Tosteson, Dean of Harvard Medical School

Daniel C. Tosteson, Rettore della Harvard Medical School

Nel 1996 fu istituita la Fondazione; essa deve il suo nome allo zio materno e mentore del Conte Giovanni Auletta Armenise, il Conte Giovanni Armenise, che lanciò la prima azienda farmaceutica italiana per la produzione e distribuzione della penicillina nel 1950.

Nel 2000, come segno di riconoscimento della sua filantropia e generosità, la Harvard Medical School ha ribattezzato una delle sue strutture “Giovanni Auletta Armenise Medical Research Building”.

Nel 2006, il Conte Giovanni Auletta Armenise ha ricevuto inoltre un’onorificenza dal Presidente della Repubblica Italiana durante la celebrazione del X anniversario della Fondazione, in riconoscimento della sua generosità e lungimiranza nel costituire la Fondazione, e per il concreto e sostanziale supporto dato alla comunità scientifica in Italia.

Nell’ottobre 2013 è scomparso il Conte Giovanni Auletta Armenise, evento che ha costituito una grave perdita. Suo figlio, il Conte Giampiero Auletta Armenise, ha deciso di assumere la guida della Fondazione e di portare avanti il meraviglioso lavoro iniziato da suo padre.