Career Development Award

IL BANDO CAREER DEVELOPMENT AWARD 2018 ATTUALMENTE È APERTO. La scadenza per l’invio delle domande e’ il 15 luglio (11:59pm EDT) 2018

Il programma Career Development Award (CDA) è progettato per favorire la crescita professionale di ricercatori dalle grandi potenzialità, all’inizio della loro carriera e che al momento della domanda lavorino fuori dall’Italia. Il programma prevede un contributo economico di 200.000 dollari all’anno per un periodo dai 3 ai 5 anni, che permette al ricercatore di creare un proprio laboratorio in Italia dove condurre ricerca in campo biomedico in modo indipendente.

Allo stesso tempo, la Fondazione spera che questo diventi un incentivo per gli istituti di ricerca italiani per rafforzare i loro dipartimenti, proponendo un pacchetto di condizioni abbastanza attraenti in modo da attirare i candidati più qualificati.

Ad oggi, la Fondazione Armenise-Harvard Foundation ha premiato 24 giovani scienziati, che hanno creato laboratori a Milano (IEO, IFOM/FIRC, Istituto San Raffaele, Università di Milano, CNR), Roma (La Sapienza; EBRI), Padova (VIMM), Trento (CIBIO, Università di Trento), Palermo (Università di Palermo), Trieste (SISSA), Pavia (Università di Pavia), Genova (IIT) e Torino (IIGM). I campi di ricerca coperti includono neuroscienze, botanica, biochimica, immunologia, biologia del cancro, protemoica e genetica, biologia sintetica.

I vincitori dei Career Development Award sono ora alla guida di gruppi di lavoro ben avviati, ricoprono posizioni permanenti o in tenure track, e coordinano in tutto nei loro gruppi circa 200 ricercatori.

Dal loro arrivo in Italia, i vincitori hanno prodotto più di 400 pubblicazioni in riviste peer-review, con un’alta percentuale di citazioni per ogni pubblicazione. Hanno un h-index medio di 21 (si va da 8 a 39).

In più, hanno raccolto più di 50 milioni di € in ulteriori grant, compresi otto prestigiosi grant dello European Research Council e uno dei soli due Howard Hughes Medical Institute International Early Career Scientist Awards attribuiti a scienziati italiani nel 2012.

Nell’annunciare quest’ultimo premio Robert Tjian, presidente del HHMI, ha detto: “Queste sono le persone che tra 10 anni saranno leader scientifici nel proprio paese”.